Questo sito  fa uso di cookies per migliorare la navigazione.  Per conoscere i cookies usati da questo sito, vi invitiamo a leggere la  privacy policy.
 
 

punto interrogativoIl signor G........................... il giorno 02 ottobre 2015 ha scritto:

Buona sera dovendo trasferire la rivendita fuori zona a distanza di 9 km circa anche se nello stesso comune , vorrei sapere perché la distanza dal congenere più vicino deve essere di almeno 600 m come ho letto. Complimenti per il vostro sito.

 

donna1L'esperto AAMS risponde:

Buongiorno.
Nei trasferimenti fuori zona occorre che siano rispettati i parametri di reddito e di distanza.
Le distanze variano a seconda del numero di abitanti:
a) metri 300, nei comuni con popolazione fino a 30.000 abitanti; 
b) metri 250,nei comuni con popolazione da 30.001 a 100.000 abitanti 
c) metri 200, nei comuni con popolazione superiore a 100.000 abitanti.
Parametri di reddito .
In ogni caso non si darà luogo al trasferimento quando la quarta parte della somma dei redditi realizzati a tabacchi dalle tre rivendite più vicine, non raggiunga i seguenti valori:
a) € 18.885,00 per i comuni con popolazione fino ai 30.000 abitanti 
b) € 30.260,00 per i comuni con popolazione da 30.001 a 100.000 abitanti
c) € 37.670,00 per i comuni con popolazione superiore ai 100.000 abitanti. 
La normativa impone che siano rispettati determinati parametri per salvaguardare la redditività minima delle rivendite interessate.
Cordiali saluti.
_____________________________________________________________________________________________________________
punto interrogativoLa signora M................... il giorno  28 settembre 2015 ha scritto:
Scusatemi se vi disturbo. Il secondo coadiutore, in caso di rinuncia del primo coadiutore, può vendere la tabaccheria subito oppure deve aspettare 2 anni dal subentro.
Si Ringrazia.
 
donna1L'esperto AAMS risponde
Buongiorno.
L'ufficio del Monopolio concede di routine, al coadiutore che subentra di vendere la tabaccheria immediatamente.
Le consiglio in ogni caso di consultare l'ufficio del Monopolio di competenza per le incombenze burocratiche e la novennale.
________________________________________________________________________________________________________________

punto interrogativoIl signor G......................... , il giorno 21 settembre 2015 ha scritto:

Sono in procinto di rilevare una tabaccheria. Non ho familiari che potranno lavorarci insieme a me ( anche se cautelativamente nominero' uno o due di loro coadiutori e faranno il corso AAMS).
Prendero' un dipendente autorizzato e vorrei sapere se mi è permesso lasciarlo solo mentre vado a ritiare i prodotti presso il monopolio?
Se no, posso mandare lui a  ritirarli al posto mio oppure sono costretto a farmeli consegnare direattamente alla rivendita?
2) gli orari della tabaccheria sono fissati da chi? Esiste un numero minimo di ore di apertura al giorno?
Grazie e distinti saluti.
 
donna1L'esperto AAMS risponde:
Buongiorno.
L'assistente (questo è l'inquadramento richiesto dal Monopolio per i dipendenti) non può essere lasciato solo alla vendita.
Invece può servirsi di terzi per il prelievo tabacchi dal deposito fiscale.
Gli orari della tabaccheria non hanno vincoli particolari. Se c'è il gioco del Lotto non può chiudere le giornate di estrazione (es. sabato) 
Dovrà comunicare il suo orario agli uffici del Monopolio  e successivamente tutte le variazioni .
Cordiali saluti.
_______________________________________________________________________________________________________________

Scopri il significato dei termini utilizzati in tabaccheria

Dizionario tabaccaio

Come puoi procedere per effettuare un acquisto sereno

Consigli acquirenti

Vendi la tua tabaccheria? Vedi il nostro metodo di lavoro

Consigli venditori

Ottenere finanziamenti per rilevare una tabaccheria.

Finanziamenti